Xavi non sarà il mio erede a Barcellona


L’allenatore del Manchester City Pep Guardiola si aspettava il successo di Xavi Hernandez come nuovo allenatore del Barcellona.

Guardiola ha confermato che Xavi avrà successo a modo suo, rifiutandosi di fare paragoni tra lui e il suo ex giocatore del Barcellona.

Xavi ha realizzato una carriera straordinaria con il Barcellona e ha giocato 767 partite con la squadra in tutte le competizioni, diventando il secondo giocatore più rappresentativo del club catalano dopo la stella argentina Lionel Messi, che ha giocato 778 partite.

Xavi è tornato prima, lunedì, al Camp Nou, ma dalla posizione di allenatore della squadra, che soffre molto a livello economico e calcistico.

Guardiola era presente durante la cerimonia di presentazione di Xavi al Camp Nou, ma ha consigliato al suo ex giocatore del Barcellona di non guardare ai successi ottenuti in precedenza dal Barcellona e di concentrarsi sulla creazione del successo a modo suo.

Guardiola ha detto: non ero erede di nessuno e Xavi non deve essere un erede per me, se la scelta di Juan Laporta è caduta su Xavi è perché ci sono milioni di positivi e qualche negativo.

Ha aggiunto: “Conosce il club e porterà energia positiva, visto come gli piace il calcio e per la sua tenacia, guarda sempre al lato positivo delle cose”.

L’ex tecnico del Barcellona ha concluso dicendo: Con la sua statura, determinazione e impegno, sono fiducioso che migliorerà la posizione del club.



Source link

قد يهمك ايضاً